Materiali sostenibili: uno sguardo al passato.

Sempre più spesso  parliamo di materiali naturali nell’architettura, non solo per isolare ma sempre più spesso utilizzati come veri  propri sostituti strutturali. Canapa, argilla, paglia, tufo solo per citarne alcuni,   materiali locali  riscoperti e migliorati nel loro utilizzo.

Quali sono le origini di queste tecniche , andando a ritroso cosa ritroviamo nelle nostre tradizioni costruttive?

Ci vengono in aiuto le architetture spontanee cioè tutte quelle architetture che definiamo normalmente  rurali, del luogo, tipiche, tradizionali o anche architetture senza architetti.

Cosa viene riproposto del passato nella nuova architettura sostenibile?

Ci servirebbero centinaia di esempi e pagine per elencare tutti le varianti esistenti di architetture spontanee presenti nel nostro territorio,  ho scelto di evidenziate solo alcune il cui scopo è quello di attirare l’attenzione sulla varietà costruttiva e sulle scelte che spesso facciamo  in nome di una sostenibilità più commerciale che reale.

( … prossimamente pro o  contro sostenibile delle case in legno  )

Cascine e edifici rurali lombardi. Funzionali, essenziali sono un ottimo esempio per analizzare la diversificazione dei materiali in base alla disponibilità locale.

Cascina in Pietra – zona Montana

1517_lom60_1517_1

 

 

Cascina in ciottolo di fiume – zona collinare

36_bg080001

 

Cascina in mattone – zona pianeggiante

cascina-via-circonvallazione

 

Casoni dell’area padana.

Si tratta di costruzioni prive di fondamenta  realizzate con materiali di scarto e trovati sul posto. Il pavimento era normalmente in terra battuta ricoperto di tavelle di cotto. Il tetto a forma di cono era in canne palustri , elemento presente ovunque in queste aree .

Le pareti interne erano  formate da delle strutture di pali ricoperti di argilla e  dipinti in calce.

cason

Differenti  anche se  similari dai casoni dei pescatori della laguna ( qui un interessante articolo di architetturaecosostenibile sui casoni lagunari )

casoni

 

Trullo.Sicuramente uno degli esempi più noti di architettura spontanea.

1024px-Roof_of_trulli_detail_black_and_white

 

Architettura eoliana. Prende il nome dalle isole Eolie.  Edifici cubici di colore bianco in pietra o calce senza l’uso di cemento. Realizzati solitamente anche  materiali locali come la pietra lavica, pomice etc

eoliana

 

 

Spazi  costruiti dai nostri antenati con i materiali del luogo, senza l’ausilio di mezzi meccanici e attenti alla condizioni climatiche .

Oggi riproposti , rivisti e studiati.

E nelle vostra zona la tradizione cosa ci racconta?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...