Open Call per una Casa sugli alberi. Ecco cosa vedrete a Terni!

Il sogno di chiunque aspiri ad un rapporto più vicino alla natura:  la casa sull’albero.

Succede allora che a Terni, lo scorso giugno,  il team del TerniFestival indice una chiamata aperta a tutti per la realizzazione di 5 case sugli alberi come residenze temporanee per artisti, cavalcando l’onda del ritorno bucolico e della ricerca di nuovi luoghi del vivere più naturali e semplici. I risultati dell’Open call sono spettacolari e le costruzioni dei 5 vincitori inizieranno oggi al TerniFestival 2016.

Totalmente autocostruite  e dal carattere internazionale!

  • Il gruppo  neozelandese composto da Jacob Dench, Dario Sanchez e Chris Pugsley  ha vinto con Ottavia, una ragnatela residenziale che verrà realizzata  tra due montagne separate da un vuoto, nell’area del vuoto si sviluppa la città vera e propria, ingabbiata  da funi, catene e passerelle. Raggiungibile da traversine in legno e canapa è costituita da amache, corde terrazze tutto rigorosamente sospeso!

  • Da Campobasso il gruppo Falegnameria Fa.Sa. parte sempre dalla sfera  ma la trasforma in un poliedro irregolare, composto da tanti triangoli. Si tratta di una ricerca modulare e standardizzata.Il solaio in legno si allunga oltre la struttura principale andando a toccare il terreno. “ADORABILE”.

  • Il progetto CAOS del gruppo romano Equalogical Lab realizzerà una struttura progettata  in maniera tale da non appoggiare direttamente sull’albero, partendo da una forma sferica rielaborata e realizzata completamente con materiali naturali e riciclati.

  • Il gruppo campano Zampoi propone invece Lampiride ( sui nomi potremmo fare un post singolo!). Una specie di lucciola residenziale, un punto luminoso all’interno dell’ambiente naturale.Esternamente viene riproposta la forma del coleottero con travi e pilastri a vista  che di notte diventano un unico punto luminoso. La struttura autoportante è intrecciata direttamente con l’albero .

  • Non poteva mancare il più classico dei nidi…ma a misura umana. il gruppo di lavoro composto da Simone Picano , Valeria Poggiani  e Mauro Poggiania ha riproposto un nido realizzato con decine di funi  connesse tramite nodi e annodate intorno ai rami. Senza collanti o chiodi. Un vero e proprio nido irrigidito in alcuni punti da elementi lignei

Annunci

Io rimango qui. Ferie in “italì”

PdPN si prende qualche settimana di ferie ma prima  facciamo una piccola carrellata di pillole turistiche tutte italiane. Con lettura abbinata!

  • Piacenza e dintorni si svolge  C.Ar.D. Contemporary Art & DesignUna rassegna  d’arte con cadenza biennale ubicata sulle colline piacentine. In siti di archeologia industriale e rurale, dimore storiche prestigiose e in generale luoghi di interesse storico-artistico anche in stato di abbandono. Libro consigliato: Francesco Bonami. Lo potevo fare anch’io. Perchè l’arte contemporanea è davvero arte. Oscar Mondadori.

Consorzio Agrario di Agazzano

  • Al Maxxi di Roma  la mostra  Extraordinary Visions. L’Italia ci guarda. Una carrellata di fotografi che racconta l’Italia, dall’arte all’architettura passando per il paesaggio con tutte le sue contraddizioni. Libro consigliato  : Arturo Lanzani. i Paesaggi Italiani. Meltemi Editore.
  • A Venezia l’alternativa alla 15° Mostra Internazionale di Architettura, ovvero tutti gli eventi collaterali. Mostre, Performance, collettivi, installazioni. La citta lagunare è costellata di eventi minori. Un ottima occasione per conoscere la città nascosta e assaporare il fermento dell’underground veneziano e non solo.Libro consigliato: Tiziano Scarpa. Venezia è un pesce. Feltrinelli

  • Manfredonia in Puglia, una visita alla Basilica di Siponto in rete e fil di Ferro del giovane artista italiano Edoardo Tresoldi. Oggetto di mille condivisioni in rete , oggi di nuovo dimenticata. un bell’esempio di collaborazione tra il pubblico e l’arte e di valorizzazione e salvaguardia intelligente. Libro consigliato: AA.VV. Archeostorie. Manuale non convenzionale di archeologia vissuta. Cisalpino Edizioni

siponto1

Ci rivediamo a settembre!