Open Call per una Casa sugli alberi. Ecco cosa vedrete a Terni!

Il sogno di chiunque aspiri ad un rapporto più vicino alla natura:  la casa sull’albero.

Succede allora che a Terni, lo scorso giugno,  il team del TerniFestival indice una chiamata aperta a tutti per la realizzazione di 5 case sugli alberi come residenze temporanee per artisti, cavalcando l’onda del ritorno bucolico e della ricerca di nuovi luoghi del vivere più naturali e semplici. I risultati dell’Open call sono spettacolari e le costruzioni dei 5 vincitori inizieranno oggi al TerniFestival 2016.

Totalmente autocostruite  e dal carattere internazionale!

  • Il gruppo  neozelandese composto da Jacob Dench, Dario Sanchez e Chris Pugsley  ha vinto con Ottavia, una ragnatela residenziale che verrà realizzata  tra due montagne separate da un vuoto, nell’area del vuoto si sviluppa la città vera e propria, ingabbiata  da funi, catene e passerelle. Raggiungibile da traversine in legno e canapa è costituita da amache, corde terrazze tutto rigorosamente sospeso!

  • Da Campobasso il gruppo Falegnameria Fa.Sa. parte sempre dalla sfera  ma la trasforma in un poliedro irregolare, composto da tanti triangoli. Si tratta di una ricerca modulare e standardizzata.Il solaio in legno si allunga oltre la struttura principale andando a toccare il terreno. “ADORABILE”.

  • Il progetto CAOS del gruppo romano Equalogical Lab realizzerà una struttura progettata  in maniera tale da non appoggiare direttamente sull’albero, partendo da una forma sferica rielaborata e realizzata completamente con materiali naturali e riciclati.

  • Il gruppo campano Zampoi propone invece Lampiride ( sui nomi potremmo fare un post singolo!). Una specie di lucciola residenziale, un punto luminoso all’interno dell’ambiente naturale.Esternamente viene riproposta la forma del coleottero con travi e pilastri a vista  che di notte diventano un unico punto luminoso. La struttura autoportante è intrecciata direttamente con l’albero .

  • Non poteva mancare il più classico dei nidi…ma a misura umana. il gruppo di lavoro composto da Simone Picano , Valeria Poggiani  e Mauro Poggiania ha riproposto un nido realizzato con decine di funi  connesse tramite nodi e annodate intorno ai rami. Senza collanti o chiodi. Un vero e proprio nido irrigidito in alcuni punti da elementi lignei

Annunci

Ad Arte . Autorecupero assistito.

 

L’autorecupero assistito è una pratica alternativa che permette di accedere alla casa da parte di  quella fascia di  utenza che non è in grado di accedere al mercato immobiliare, si tratta di un processo di lavoro mutuo e solidale eseguito dagli abitanti degli immobili oggetto del  lavoro.

download

In pratica i futuri inquilini costituiscono una cooperativa e si accordano per contribuire con un monte ore definito, ai lavori del cantiere di recupero e ristrutturazione dell’immobile.Ovviamente sotto la direzione e l’affiancamento di  tecnici e professionisti.

Si tratta di una pratica  che permette non solo di abbattere i costi di  recupero e riqualificazione degli immobili ma di creare quello spirito comunitario necessario ad avviare un processo di riqualificazione, non solo del patrimonio edilizio ma anche del tenore e della qualità della vita degli abitanti.

Si tratta di uno di quei processi  che puntano alla creazione di una rete sociale  nuova  in sostituzione della struttura sociale che si è andata  sfaldando nella contemporaneità.

L’autorecupero non è una novità .

images

 

Nel resto d’Europa questa pratica  di incentivare i cittadini al recupero è già in uso da decenni , in Sud America già dalla fine degli anni ’60 i cittadini di alcune zone si costituiscono in cooperative di lavoro per il recupero edilizio.

In Italia i vari fronti che si battono per il ” diritto alla casa per tutti” da anni portano avanti politiche di recupero auto assistito più o meno appoggiati dalle forze amministrative locali.

images (1)

Scade in questi giorni il progetto pilota di autorecupero assistito del Comune di Trieste

ARTE2-300x95

Nel progetto pilota di Trieste,  l’immobile oggetto dell’intervento è una proprietà comunale gestita dall’Ater ( l’azienda che si occupa anche dell’edilizia popolare), gli interessati  potranno presentare domanda fino al 20 maggio 2016 ( nuovo termine).

 

Qui il link diretto con l’iniziativa del Comune